direttore Filippo Astone

Fca richiama 600.000 veicoli Chrysler e Ram

La casa di Detroit costretta all’intervento straordinario per danni agli accumulatori e ai portelloni. Costo dell’operazione circa 100 milioni

Problemi in vista per Fiat Chrysler Automobiles, costretta a ritirare 609 mila veicoli negli Stati Uniti. In particolare, sarebbero state richiamate 99 mila Chrysler Pacifica, a causa di un problema ad uno dei cablaggi della batteria che sembrerebbe non fare perfettamente contatto, e 410 mila pickup Ram (1500, 2500 e 3500), poiché un problema all’attuatore di blocco del portellone posteriore potrebbe causarne l’apertura durante la guida.

Questo è quanto riferisce la National Highway Traffic Safety Administration (ovvero l’agenzia governativa statunitense che fa parte del Dipartimento dei Trasporti). Un numero di vetture sicuramente rilevante, ma che non dovrebbe comunque gravare sul bilancio e sulla redditività del Gruppo: infatti, secondo Fidentiis (società indipendente specializzata in servizi di brokeraggio, investment banking e asset management) il costo stimato dell’operazione si attesterà intorno ai 100 milioni di euro, e troverà copertura dagli accantonamenti straordinari.

Inoltre, Fca ha staccato un dividendo straordinario di 1,30 euro per azione, frutto dell’incasso generato dalla cessione di Magneti Marelli. Il dividendo straordinario di Fiat Chrysler Automobiles si va quindi ad aggiungere al dividendo ordinario, che la società guidata da Michael Manley aveva staccato circa un mese fa e che ammontava a 0,63 euro. In vista del pagamento della cedola extra il prossimo 30 maggio, Banca Akros ha rivisto il suo target price sul Gruppo da 16 a 14,7 euro, confermando il rating “accumulate”.

Qualche difficoltà John Elkann la sta avendo anche con Ferrari, che stando alla stampa cinese dovrà richiamare 2 mila veicoli in Cina per risolvere i problemi relativi agli airbag prodotti da Takata (costruttore di componentistica per automotive).

Condividi questo articolo sui Social Network

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest from Inside

Go to Top
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0.
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER