Advertisement

direttore Filippo Astone

Supercomputer top 500: Lenovo si riconferma al primo posto

La multinazionale guidata da Yuanqing Yang rimane in cima alla lista. A separarla dagli inseguitori, oltre 100 sistemi

La classifica mondiale dei supercomputer top 500 riconferma al primo posto Lenovo, con 173 sistemi installati nel mondo. La multinazionale cinese ha allungato le distanze dall’ultimo rilevamento di novembre: sono infatti più di 100 i sistemi che separano l’azienda guidata dal ceo Yuanqing Yang  dagli inseguitori.

Il supercomputer basato su tecnologia Lenovo ThinkSystem Sd650 Leibniz Rechenzentrum si conferma nella classifica dei top 10 mondiali (#9). Per la prima volta nella storia, i 500 supercomputer della lista raggiungono prestazioni minime da un petaflop – il livello minimo è ora 1.022 petaflops. Marconi, il supercomputer co-progettato da Cineca e Lenovo e basato sulla piattaforma Lenovo NeXtScale, si conferma nella top 25 mondiale (#21) ed è nella top 3 dei supercomputer italiani più potenti al mondo.

Alessandro De Bartolo, general manager e amministratore delegato per l’Italia del Lenovo Data Center Group

 

La top 10

La cima della lista rimane in gran parte invariata, con solo due nuove voci nella top 10, una delle quali era un sistema esistente che è stato aggiornato con capacità aggiuntiva. Due supercomputer costruiti da Ibm, Summit e Sierra, installati presso il Dipartimento di energia dell’Oak Ridge National Laboratory (Ornl) nel Tennessee e Lawrence Livermore National Laboratory in California, conservano le prime due posizioni nell’elenco. Entrambi traggono la loro potenza di calcolo dalle Cpu Power 9 e dalle Gpu Nvidia V100. Il sistema Summit ha leggermente migliorato il suo risultato Hpl di sei mesi fa, consegnando un record di 148,6 petaflops, mentre il numero due del sistema Sierra rimane invariato a 94,6 petaflop.

Il Sunway TaihuLight, un sistema sviluppato dal Centro nazionale di ricerca cinese di Parallel Computer Engineering & Technology (Nrcpc) e installato presso il National Supercomputing Center di Wuxi, detiene la posizione numero tre con 93,0 petaflop. È alimentato da oltre 10 milioni di core del processore Sw26010.

Al numero quattro è il supercomputer Tianhe-2A (Milky Way-2A), sviluppato dalla National University of Defense Technology (Nudt) della Cina e distribuito al National Supercomputer Center di Guangzhou. Ha utilizzato una combinazione di processori Intel Xeon e Matrix-2000 per ottenere un risultato Hpl di 61,4 petaflop.Frontera, l’unico nuovo supercomputer tra i primi 10, ha raggiunto la sua posizione numero cinque consegnando 23,5 petaflop su Hpl. Il sistema Dell C6420, basato su processori Intel Xeon Platinum 8280, è installato presso il Texas Advanced Computing Center dell’Università del Texas.

Al numero sei Piz Daint, un sistema Cray Xc50 installato presso il Centro nazionale di supercalcolo svizzero (Cscs) a Lugano, in Svizzera. È dotato di Cpu Intel Xeon e Gpu Nvidia P100. Piz Daint rimane il sistema più potente in Europa.Trinity, un sistema Cray Xc40 operato da Los Alamos National Laboratory e Sandia National Laboratories migliora le sue prestazioni a 20,2 petaflops, che lo rende il numero sette. È alimentato da processori Intel Xeon e Xeon Phi.

L’Iai Bridging Cloud Infrastructure (Abci) è installata in Giappone presso l’Istituto nazionale di scienza e tecnologia industriali avanzate (Aist) ed è elencata al numero otto, con un rilascio di 16,9 petaflop. Il sistema Fujitsu è dotato di processori Intel Xeon Gold e Gpu Nvidia Tesla V100.SuperMuc-Ng è alla posizione numero nove con 19,5 petaflop. È installato presso il Leibniz-Rechenzentrum (Leibniz Supercomputing Centre) a Garching, vicino a Monaco.

La macchina costruita da Lenovo è dotata di processori Intel Platinum Xeon e dell’interconnessione Omni-Path dell’azienda.Il supercomputer Lassen aggiornato conquista la posizione numero 10, con un aggiornamento che ha aumentato il suo valore originale di 15,4 petaflop su Hpl a 18,2 petaflop. Installato presso il Lawrence Livermore National Laboratory, Lassen è la controparte non classificata del sistema Sierra classificato e condivide la stessa architettura Gpu Ibm Power9 / Nvidia V100.

La Cina è leader per numero, Stati Uniti per rendimento

La Cina rivendica il maggior numero di sistemi TOP500, con 219, seguiti dagli Stati Uniti, con 116. Il Giappone è al terzo posto con 29 sistemi, seguito dalla Francia, con 19, il Regno Unito, con 18 e la Germania con 14.Nonostante gli Stati Uniti siano lontani nel numero totale di sistemi, ne hanno piazzati diversi in cima alla lista. Ciò gli consente di mantenere la leadership nella capacità complessiva di Hpl, con il 38,4% delle prestazioni dell’elenco aggregato (Summit e Sierra, da soli, rappresentano il 15,6% dei flop dell’elenco Hpl.) La Cina, con i suoi sistemi relativamente più piccoli, occupa il secondo posto, con il 29,9% del totale delle prestazioni.

Condividi questo articolo sui Social Network

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest from Inside

Go to Top
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0.
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER