direttore Filippo Astone

STAIN

Fanuc debutta a SPS Italia 2019

Una cella SCARA e una cella collaborativa mettono in mostra le potenzialità del big della robotica come fornitore di soluzioni  sicure per l’automazione di fabbrica

Fanuc fa il suo debutto a Parma (dal 28 al 30 maggio) alla fiera di riferimento per l’industria con uno stand dedicato al mondo della robotica nello spazio Robotica e Meccatronica del District 4.0 (Pad 4.1 B029).  Con oltre 100 modelli che coprono un’ampia serie di applicazioni e settori, Fanuc offre una ampia gamma di robot completi di funzionalità di intelligenza artificiale per l’analisi delle performance e la manutenzione predittiva (ZDT – Zero Down Time). A SPS Italia 2019 Fanuc mostrerà le sue competenze in fatto di automazione di fabbrica portando per la prima volta due celle – una costituita da robot SCARA, l’altra da robot collaborativo – che intendono sottolineare la versatilità delle sue soluzioni.

Nella cella SCARA il robot compatto SR-6iA, controllato da R-30iB Compact Plus e programmato da  iRProgrammer web-based, metterà in mostra le sue  caratteristiche di velocità spostando palline colorate e posizionandole con precisione in posizioni definite dall’utente. Nella cella cobot il robot collaborativo CR-7iA/L, completo di sistema di visione integrato iRVision 2D, collabora con un operatore nel montaggio di valvole in plastica in massima sicurezza, dimostrando attraverso due cicli di lavoro la possibilità di realizzare linee di produzione dove uomo e robot lavorano fianco a fianco per cicli rapidi ed efficienti.

Nel corso del ciclo automatizzato, il cobot identifica il pezzo grazie al sistema di visione, esegue il programma inserito e al termine del programma riposiziona il pezzo nella posizione di partenza. Nel ciclo collaborativo, il cobot identifica e prende il pezzo corretto, lo porge all’operatore al suo fianco e attende che questi completi il montaggio, e infine pone il pezzo in un cesto di raccolta.

L’integrazione dei robot Fanuc in sistemi IIoT avanzati è resa possibile dall’ecosistema di applicazioni AI FIELD. Già lo scorso anno, in collaborazione con il partner tecnologico Alascom e  Cisco, Fanuc aveva portato a SPS il robot collaborativo controllato tramite comandi vocali grazie all’integrazione di un’applicazione di elaborazione del linguaggio naturale (chatbot), dimostrando la fattibilità di scenari produttivi dove i cobot cooperano con operatori non necessariamente altamente specializzati in programmazione, che potranno impartire comandi vocali al robot.

Condividi questo articolo sui Social Network

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest from In breve

Go to Top
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0.
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER