direttore Filippo Astone

STAIN

Arriva MiR1000, il robot mobile autonomo che sposta una tonnellata

L’azienda danese di robotica per la logistica interna alle aziende mette sul mercato il modello che trasporta grossi componenti di aerospace e automotive e che è dotato di nuove funzionalità di intelligenza artificiale

È il gigante tra i robot mobili autonomi. Ha un carico utile di una tonnellata, e trasporta pallet e componenti da un comparto all’altro dell’azienda senza l’ausilio degli umani. Una volta programmato, agisce grazie ad una intelligenza propria. È l’ultimo nato della famiglia di robot MiR (Mobile Industrial Robots), azienda di Odense (Danimarca) che realizza mezzi a guida autonoma per la logistica interna alle imprese. Si chiama MiR1000, come i chili che è in grado di sostenere. Prima, il modello più “robusto” era il MiR500, introdotto sul mercato l’anno scorso: è quello in grado di trasportare carichi per mezza tonnellata. L’annuncio, qualche giorno fa. Secondo l’azienda, MiR1000 è «un’alternativa collaborativa, sicura e flessibile ai carrelli elevatori utilizzati in fabbrica, potenzialmente pericolosi e costosi». Peraltro, grazie agli sviluppi effettuati per realizzare MiR1000, ora è possibile aggiungere le funzionalità di intelligenza artificiale su tutti i robot mobili MiR per migliorare la navigazione e l’abilità di distinguere tra persone, carrelli e altri ostacoli per una risposta ancora più efficiente.

La famiglia dei robot mobili

Come già accennato, MiR100 si aggiunge ad una famiglia di prodotti distinti in base alle capacità di carico: MiR100, MiR200 e MiR500 sono già operativi in più di 45 paesi, in aziende quali Airbus, Flex, Honeywell, Toyota, Visteon e Hitachi. Secondo Thomas Visti, Ceo di MiR, il MiR1000 nasce in risposta alla richiesta da parte di numerosi clienti, che hanno necessità di trasportare componenti pesanti, come spesso accade in settori come aerospaziale e automotive. Per Visti «oggi i produttori devono destreggiarsi tra le richieste dei clienti in continuo cambiamento, il che significa che hanno bisogno di strutture di produzione flessibili e altamente adattabili. Le soluzioni logistiche convenzionali, come i carrelli elevatori, i nastri trasportatori e i tradizionali veicoli a guida autonoma non sono stati in grado di supportare questo tipo di produzione». Sempre per Visti, un vantaggio dei robot MiR consiste nella flessibilità: «I nostri robot non richiedono di riorganizzare le strutture o specifiche capacità di programmazione».

Nuove possibilità di carico

Secondo l’azienda, il MiR1000 è dotato di un sollevatore adattabile ideale per i due più comuni tipi di pallet utilizzati: il pallet europeo e la versione da 40” x 48”. Come gli altri robot mobili autonomi (Amr) di MiR, il MiR1000 può essere programmato attraverso un’interfaccia utente intuitiva o con il sistema di gestione della flotta MiRFleet, che semplifica l’automatizzazione di nuove attività per l’intera flotta di robot di un’azienda. Gli Amr possono anche integrare facilmente moduli top come elevatori per pallet, nastri trasportatori, bracci robotici e altre opzioni per supportare un’ampia gamma di applicazioni.

L’intelligenza artificiale

Secondo l’azienda, MiR ha abilitato i suoi robot a ottimizzare la pianificazione del percorso e il comportamento di guida grazie all’introduzione di funzionalità di intelligenza artificiale (Ai) incorporate nel software e di telecamere piazzate strategicamente che funzionano come un set esteso di sensori del robot. Le telecamere MiR Ai Camera permettono al robot di rilevare e riconoscere diversi ostacoli in movimento e reagire conseguentemente. Per esempio, il robot continuerà a spostarsi normalmente se rileva una persona ma si accosterà se rileva un altro robot mobile in modo che questo possa continuare il suo percorso. Il robot è in grado anche di prevedere in anticipo aree bloccate o altamente affollate e ricalcolare di conseguenza il percorso.

MiR

Mobile Industrial Robots (MiR) è stata fondata nel 2013 da Niels Jul Jacobsen, esperto sviluppatore di robot e figura centrale nella creazione del fiorente gruppo di robot danese riconosciuto a livello internazionale. I robot MiR hanno dimostrato il loro valore, con centinaia di unità che operano nelle industrie in tutto il mondo, automatizzando il trasporto interno. MiR ha quindi creato un mercato completamente nuovo in tempi record. Nella primavera del 2018, MiR è stata acquisita dalla società americana Teradyne, il principale fornitore di apparecchiature di prova automatizzate.

Condividi questo articolo sui Social Network

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest from Economia e uomini

Go to Top
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su notizie, eventi, analisi e approfondimenti
dal primo sito italiano dedicato a economia reale,
industria manifatturiera e Industry 4.0.
Le tue informazioni non saranno condivise con nessuno soggetto terzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER